Orari di Apertura : Lunedi-Venerdì 9.00-13.00/15.30-19.45 -- Sabato 9.00/13.00 - Chiusura Estiva 13/20 Agosto




Compila il seguente Form

Facendo click su Invia dichiari di avere letto e di accettare l'informativa privacy:

Contattaci

Servizi per trasporto Conto Proprio

l trasporto di cose in conto proprio (art. 31 della legge n. 298/74) è il trasporto eseguito da persone fisiche, giuridiche, enti privati o pubblici, qualunque sia la loro natura, per esigenze proprie.
Condizioni principale che distingue il Conto Proprio dal Conto Terzi è che il trasporto non deve costituire attività economicamente prevalente del soggetto, ma complementare all'attività svolta 
(es.: commerciante di mobili che trasporta i mobili dal magazzino al cliente);
Risulta opportuno fare una ulteriore specificazione sul termine Complementare :
 - le cose trasportate devono essere attinenti all'attività principale svolta dall'impresa (es.: commerciante di frutta che trasporta frutta, verdura e simili);
 - i veicoli destinati al conto proprio devono essere congrui con le esigenze dell'impresa (es.: un piccolo artigiano non può avere 6 auto articolati);
 - i costi per l'esercizio del trasporto non devono incidere pesantemente sui costi totali dell'attività svolta
Ulteriore specifiche devono essere fatte per le merci trasportate. Queste devono essere in proprietà di chi effettua il trasporto o prodotte da questi, o vendute, o prese in comodato, o locazione ovvero (come espressamente indica la normativa di riferimento) detenute per essere trasformate, modificate, riparate o elaborate in conformità all'attività principale svolta. Ovvero, infine, tenute in deposito o in custodia in relazione a un contratto di deposito o ad un contratto di mandato ad acquistare o a vendere (es. contratto di agenzia);
Andiamo al trasporto vero e proprio. Nel Conto Proprio: 
 - il trasporto deve avvenire con un veicolo di proprietà, in usufrutto, in leasing o acquistato con patto di riservato dominio;
 - il veicolo deve essere guidato personalmente dal proprietario, da un suo dipendente, collaboratore familiare, socio o amministratore, a seconda della tipologia societaria.
Quando anche una sola di queste condizioni manchi, l'attività di trasporto non è più in conto proprio ma in conto terzi (v. art. 88 CDS).
La licenza deve indicare anche le cose o le classi di cose autorizzate al trasporto. Per le imprese di nuova costituzione è consentito il rilascio di una licenza provvisoria della durata massima di 18 mesi. Compito nostro è quello di definire i parametri, verificare la complementarietà del trasporto e richiederla presso le autorità competenti. 
Ricordiamo che la licenza per il trasporto in conto proprio è nominativa: se il veicolo viene ceduto Ad altri e quest’ultimi vogliono utilizzarlo per il trasporto, occorre il rilascio di una nuova licenza a nome del nuovo intestatario; pertanto la precedente licenza dovrà essere annullata dal vecchio proprietario insieme alla relativa carta di circolazione, quest'ultima da annullare presso la Motorizzazione. Compito nostro è quello di definire gli aspetti preliminari e comunicare la richiesta di una nuova licenza a nome del nuovo proprietario e l’annullamento di quella del vecchio proprietario del mezzo. 
Ricordiamo che la licenza in conto proprio potrà essere richiesta anche in sostituzione di un veicolo già in disponibilità dell’impresa, si tratta comunque sempre di una licenza ex novo. Per maggiori info compilare il form qui nella scheda, ovvero utilizzare i nostri contatti o, meglio, la chat online